Lo svezzamento e l’insonnia: cause e rimedi

Insonnia neonati
Lo svezzamento e insonnia: rimedi

I disturbi del sonno nei bambini, possono avere diverse cause, spesso del tutto sconosciute. Indagare sui disturbi del sonno, è di fondamentale importanza, in quanto l’insonnia tende a causare diversi altri problemi di non poca rilevanza. I disturbi del sonno, si presentano spesso in concomitanza allo svezzamento: il cambiamento del piano alimentare del bambino, comporta una serie di cambiamenti tra cui l’alterazione delle fasi del sonno, che può essere inibito o incrementato.

L’insonnia, è un disturbo che incide pesantemente sullo stato di salute del bambino, che può manifestare diversi altri disturbi di conseguenza alla mancanza di sonno, per cui è necessario programmare un piano alimentare adeguato, completo e variegato. E’ importante inoltre seguire degli orari precisi e rispettare tutti i pasti della giornata, affinchè il bambino non vada a dormire a stomaco vuoto, o troppo pieno. Rispettare i tempi che intercorrono tra un pasto e l’altro, variegare l’alimentazione e stabilire le giuste quantità, è la base di una corretta alimentazione durante la fase dello svezzamento.

L’approccio a nuovi sapori, la differenziazione degli stessi, la sperimentazione che avviene durante le primissime fasi dello svezzamento, vanno bilanciate anche mediante la scelta di un piano alimentare salutare e adatto al bambino. Alcuni alimenti, contengono dei precisi elementi che favoriscono una corretta crescita ed un sano sviluppo, e allo stesso tempo, conciliano il sonno favorendone la regolarità. Gli elementi benefici e dunque necessari per contrastare l’insonnia, sono la vitamina B6, il potassio e il triptofano. La vitamina B6, si trova nel latte, nel riso, nelle carni bianche, il potassio in moltissimi frutti e in alcune verdure, mentre il triptofano è un aminoacido che si trova nell’orzo, nel riso, nel latte e nei suoi derivati.

Questi tre elementi, contrastano l’insonnia, perché favoriscono lo stato di relax, conciliando il sonno, rafforzano il sistema immunitario e sono benefici per il cuore. Tutti gli alimenti che li contengono sono da considerarsi indispensabili nel piano alimentare del bambino nella fase dello svezzamento, anche sotto forma di liofilizzati ed omogeneizzati.

Altre sostanze, sono da considerarsi eliminabili, perché tendono a favorire il disturbo dell’insonnia. Le carni rosse ed il pesce, contengono sostanze eccitanti che non favoriscono il sonno, cosi come la cioccolata e tutti li alimenti contenenti zuccheri, che sono difficilmente digeribili. E’ preferibile che le carni ed il pesce vengano consumate a pranzo insieme alle verdure, mentre la pasta ed il riso, cosi come il latte, possono essere consumate a sera, perché favoriscono il sonno.