I libri che potrebbero aiutare un uomo che sta per diventare papà

Libri
I libri per i neo-papà

Un uomo che sta per diventare papà, necessita di un manuale di istruzioni. Non si è mai abbastanza pronti per diventare genitori, nonostante le info, i corsi di preparazione, l’istinto, il supporto familiare. A libri dedicati alle future mamme, si aggiungono quelli dedicati ai futuri papà. Lo scopo di questi manuali, è guidare attraverso domande, consigli e suggerimenti, coloro che si approcciano alla paternità per la primissima volta, o che desiderano approfondire alcune argomentazioni in merito alla loro esperienza di padri.

I libri, sono estremamente vari: trattano argomentazioni diverse, dalla preparazione psicologica, alle modalità diverse per addormentare il neonato, all’allattamento, fino allo svezzamento, i pannolini, i primi passi. L’inquadratura dei testi, cambia a seconda della topologia di libro che si sceglie: alcuni hanno una chiave ironica, altri istruttiva, altri romanzesca.

“Anche io sono incinto”, è un testo di origine inglese, che vuole essere per i padri una guida alla gravidanza. Il libro contiene dei preziosi suggerimenti su come sostenere la propria compagna nel periodo della gravidanza, fino al parto.
“Il manuale del papà”: è un vero e proprio libro istruttivo che argomenta sulla gravidanza, sul parto e sui primi tre anni di vita in tre. Il libro contiene anche dei racconti di persone che hanno reso pubblica la loro esperienza genitoriale da cui è possibile prendere spunto.

“I papà vengono da Marte, le mamme veda Venere”: gli scrittori di questo libro sono due, una coppia esperta in merito alla maternità e alla paternità, una neo-mamma psicopedagogista e un papà psicoterapeuta, che raccontano del punto di vista differente di due genitori in relazione alla crescita di un figlio. Il testo mostra ai papà (e alle mamme), come gestire la nascita e la crescita di un figlio.

“Nella pancia del papà”, è un libro scritto da un altro psicoterapeuta, che vuole guidare i papà in questa nuovissima esperienza, sciogliendo ogni dubbio su come gestire il loro ruolo, su come affiancare la madre, e su come crescere il proprio figlio, senza paura di sbagliare.

“E se poi prende il vizio?” E’ mun testo che non sono analizza i comportamenti dei padri, ma anche i bisogni del neonato, e le imposizioni della società attuale, che impone un’immediata autonomia dei bambini. Il libro insiste invece su una relazione affettiva consolidata, insiste sulla preziosità del tempo condiviso con i genitori. E’ sulla triade madre/padre/figlio, che si basa la formazione del bambino, per cui, è importante porre l’enfasi su questo aspetto.