Brodo vegetale: congelarlo si può! Ecco cosa fare

Brodo vegetale
Congelare il brodo

Il brodo vegetale, è molto utilizzato in cucina, sia per i bambini che sono nella fase dello svezzamento, sia per la preparazione di diversi piatti, che vengono insaporiti ed impreziositi dal suo dolce sapore. Scegliere di congelare il brodo vegetale, è molto utile sia per la preparazione di pappe che per la preparazione di carni e di risotti e passati.

Esistono delle tecniche precise per congelare il brodo vegetale: in primis il brodo va preparato, seguendo la ricetta classica che prevede l’aggiunta di sedano e cipolla. Una volta pronto, il brodo va filtrato con un colino e fatto raffreddare. Va poi inserito in un barattolo o contenitore di vetro e andrà conservato in frigorifero, per un massimo di tre giorni, durante i quali, una parte, o tutto il brodo vegetale, potranno essere riutilizzati.

A seconda dell’uso che si intende fare del brodo vegetale e dal futuro utilizzo, si sceglierà come suddividerlo: in bicchieri monoporzione, in un grande contenitore, in due contenitori di media grandezza. Il brodo può essere conservato anche nei contenitori per il ghiaccio, e utilizzarlo solo all’occorrenza per insaporire particolari piatti, come le carni o alcune tipologie di contorni.

Il brodo vegetale va riposto in freezer con apposita data, e potrà essere conservato li per circa tre mesi. E’ importante assicurarsi che il brodo sia perfettamente etichettato, con la data in cui viene congelato affinchè venga consumato entro un limite di tempo massimo. Inoltre, il brodo va sigillato perfettamente, affinchè si conservi bene nel frezeer, per tutto il tempo necessario; all’occorrenza, basta scongelarlo la sera prima, e poi utilizzarlo direttamente.

Congelare il brodo vegetale è assolutamente comodo, in particolare per le mamme che devono continuamente preparare le pappe e la pastina per lo svezzamento: permette di averlo subito a disposizione, cosi da preparare un passato di verdure, una pastina, una pappina con maggiore sapore data dal brodo stesso, in poco tempo. In cucina in particolare, è importante avere a disposizione alcuni ingredienti per la preparazione di alcuni piatti.

E’ importante inoltre conoscere le procedure per la conservazione dei cibi: il brodo vegetale è liquido per cui, il contenitore in cui verrà conservato non dovrà essere riempito del tutto, perché sotto lo zero, i liquidi tendono ad aumentare di volume. E’ importante inoltre riporli in contenitori che ermetici, in bottiglie di plastica, in contenitori monoporzioni. Nel freezer, vanno riposti in posizione verticale, cosi che il liquido si mantenga fisso.

Congelare il brodo è molto comodo, ed è possibile farlo in poche semplici mosse!