Soia alle bambine? Anche no, grazie

Latte di soia
Il latte di soia è nocivo per i bambini

La soia è un alimento molto quotato, ma sconsigliato per i bambini: essa, contiene i cosiddetti “fitoestrogeni”, ovvero i nostri estrogeni naturali. Il quantitativo di fitoestrogeni contenuti nella soia è notevole, ed è particolarmente dannoso. Queste sostanze, interferiscono con gli ormoni, per cui possono determinare una serie di conseguenze e di patologie, che dipendono da un’alterazione ormonale.

I fitoestrogeni, secondo alcuni studi, sarebbero correlati al calo del testosterone, ad una scarsa produzione di spermatozoi e all’infertilità. I fitoestrogeni contenuti nel latte di soia che viene somministrato ai bambini, hanno un quantitativo di ormoni pari ad un numero altissimo di pillole anticoncezionali, circa cinque.

Questo studio, ha creato dunque un certo allarmismo, ed è per questo che la soia è stata considerata come un prodotto pericoloso per l’alimentazione dei bambini in particolare.
Un consumo continuato ed abbondante dunque, potrebbe causare problemi all’apparato riproduttivo e infertilità. Secondo alcuni studi che sono stati effettuati, le donne che da bambine hanno assunto costantemente ed abbondantemente la soia, possono avere problemi di alterazione del flusso mestruale e problemi anche sul piano riproduttivo.

La soia, apporta dei danni in particolare se viene assunta in età infantile in quantità copiose: è il caso del latte di soia, dei fagioli, e di tanti altri alimenti che ne contengono una quantità abbondante. Diversi studi condotti nei primi anni 2000 fino ad oggi, hanno appurato di contro i benefici dell’assunzione di questo alimento, che, se assunto in seguito a specifiche terapie, aiuta a prevenire il cancro alla mammella, al pancreas e allo stomaco. Molte donne che hanno superato il cancro al seno e che hanno assunto questo alimento in seguito in modo costante, hanno avuto un ottimo recupero della forma fisica e soprattutto sono molto meno inclini alle recidive di coloro che invece non lo hanno assunto.

Il dibattito sui benefici della soia e sul suo utilizzo è ancora del tutto aperto. I pareri degli esperti sono contrastanti perché diversi e contrastanti sono i risultati dei test, degli studi, delle somministrazioni che sono state effettuate su bambini di sesso maschile, femminile, e poi su uomini e donne e ancora sull’utilità benefica della soia e sulla sua tossicità. Nei bambini piccoli a cui viene dato il latte di soia invece del latte materno, o del latte artificiale classico, sono stati ritrovati più di 500 isoflavoni. Il pericolo dunque, è tastabile sul futuro, per cui, non è consigliabile somministrarlo ai bambini, non avendo ancora certezza dei suoi effetti collaterali.