Osservate in che posizione gioca il bambino: allarme posture!

Allarme posture bambini
Allarme posture: correggere i bambini

I bambini assumono spesso posture errate che possono, sul lungo termine, trasformarsi in una patologia, più o meno grave. L’osservazione, volta alla correzione di suddetti atteggiamenti posturali, va effettuata n diversi momenti:

-Quando il bambino è in posizione eretta, è importante osservare se tende a caricare il peso del corpo su uno dei due lati, spostando cosi l’asse del suo baricentro, se assume un atteggiamento scoliotico o cifotico

-Quando è seduto, bisogna osservare la posizione della schiena, se è dritta.

-Quando cammina, è importante osservare la posizione dei piedi e la fluidità dell’andatura

-Quando corre, è importante osservare la spinta, la potenza, la capacità armonica di coniugare i movimenti.

Dunque è molto importante per i genitori, effettuare questo tipo di osservazione, in particolare nei primi anni di vita, quando il bambino, assume una propria autonomia e inizia a relazionarsi con l’ambiente.

Tra le posture errate del bambino, c’è quella del collo piegato: la tendenza è quella di abbassare la testa in avanti, per leggere, scrivere, giocare. E’ questo un atteggiamento tipico dei bambini piccoli, ma anche di quelli che si trovano in età scolare. Molto spesso inoltre, i bambini delle nuove generazioni, utilizzano il cellulare, che porta in modo quasi “naturale” ad assumere questo tipo di postura. Questo tipo di atteggiamento, può apportare diverse conseguenze, tra cui, problemi alla vista.

Tra i diversi difetti relativi alle diverse posture, c’è quello dei piedi piatti: questo tipo di difetto è da considerarsi comune tra i bambini piccoli che non hanno ancora sviluppato l’arcata del piede. Tendenzialmente, questo difetto, scompare quando inizia la fase della deambulazione, e può essere corretto, lasciando il bambino libero di camminare a piedi nudi; Il contatto con il pavimento infatti, è molto importante, ed aiuta a sviluppare e a rafforzare l’apparato muscolo scheletrico. Se il problema persiste nel tempo, è necessario intervenire con un programma specializzato correttivo.

Le ginocchia a rana, rientrano nell’elenco delle posture difettive: il bambino che ha questo tipo di problematica, spinge le ginocchia verso l’esterno. Questo tipo di difetto, compare dopo in due anni e tende a risolversi con il tempo in modo automatico, o comunque con un supporto correttivo.

Anche quando gioca, il bambino può assumere posture errate. In particolare quando è piccolo, può sforzare la schiena, o il collo, assumendo posizioni innaturali. Le nuove tecnologie, sono estremamente limitanti rispetto al movimento, in quanto richiedono concentrazione, ma immobilità: spesso i bambini tendono a curvarsi davanti allo schermo del pc, della tv, del cellulare, assumendo posture che vanno per l’appunto corrette.