La celiachia come capirla nel nostro bambino

Bambini celiaci
Celiachia nei bambini

Considerata malattia rara fino a circa dieci anni fa, oggi la celiachia, viene considerata una condizione cronica che colpisce un numero sempre più alto di persone. Nell’ultimo decennio infatti, si è prestata maggiore attenzione alla ricerca e alla cura di questa patologia alimentare, attraverso uno studio più approfondito della sintomatologia. Questo disturbo, compare in età pediatrica, dove, in forma del tutto preventiva, si suggerisce spesso di intraprendere un percorso alimentare ferreo, basato su alimenti senza glutine, per sintomi che spesso vengono confusi.

Per diagnosticare la celiachia in età pediatrica, è necessario effettuare un’attenta analisi sui sintomi che potrebbero rappresentare dei campanelli d’allarme, eseguire un analisi della mucosa intestinale ed una serie di test attendibili, che attestano l’intolleranza al glutine. Quest’ultima è una proteina, che si trova in numerosissime sostanze presenti in natura, come il farro, la segale, il frumento, l’orzo, e in moltissimi tipi di farina che derivano da questi alimenti. L’intolleranza al glutine, si sviluppa proprio a causa di anticorpi la cui produzione è sollecitata dal glutine, che vanno ad attaccare alcune parti dell’intestino, tra cui, il tenue e l’ileo.

In un paziente celiaco, i villi intestinali, per la spinta eccessiva di glutine, tendono ad atrofizzarsi impedendo il passaggio di elementi nutrienti, al sangue. Questa condizione, determina problematiche sul piano nutrizionale, con conseguenti manifestazioni di deficit seri.

Per individuare un disturbo come la celiachia nei bambini, è necessario effettuare una diagnosi sulla sintomatologia: nei primi due anni di vita, la celiachia, si manifesta con uno scarso sviluppo muscolare, una crescita lenta, gonfiore addominale, inappetenza, vomito e diarrea. Questi sintomi, sono estremamente comuni, e possono rimandare anche a diverse altre patologie; se si manifestano tutti insieme, diventa necessario effettuare dei test di approfondimento e chiedere un consulto pediatrico.

Nei bambini che hanno superato i due anno di età, la celiachia, può manifestarsi con diversi altri sintomi, che vanno ad associarsi a quelli sopra elencati. Molto comune è la stipsi, o la diarrea, il tratto intestinale dunque è sempre coinvolto perché viene attaccato dagli anticorpi in eccesso prodotti dal glutine. Molto comune, è la perdita di peso costante, associata ad una crescita irregolare, ad una mancanza di coordinazione nei movimenti, nervosismo, irritabilità, scarsa concentrazione. La celiachia in età pediatrica e/o in età puberale, può contrastare lo sviluppo delle articolazioni, per cui è necessario effettuare in tempo tutti i test che accertino che si tratti di suddetta patologia.

Gli esami da effettuare per individuare la celiachia, sono diversi: in una prima fase, si tende ad individuare la causa scatenante della celiachia, valutando se il bambino, presenta reattività immunitaria. Il secondo gruppo di esami, è maggiormente invasivo: si va ad analizzare la mucosa endoscopica, mediante l’immissione di un sondino che arriva all’intestino. La terza fase, va ad analizzare se la celiachia è di origine genetica.