Gravidanza ectopica: ecco perché può succedere

Gravidanza ectopica
La gravidanza ectopica: cause e sintomi

La gravidanza ectopica, comunemente apostrofata come gravidanza extrauterina, si realizza all’esterno delle pareti uterine. Normalmente, l’ovulo che stato fecondato, viaggia attraverso le tube per poi impiantarsi all’interno dell’utero; in una gravidanza ectopica, questo non accade. L’ovulo dunque, tende ad impiantarsi nelle tube, o nel collo uterino, nella cervice, o nell’addome. La gravidanza ectopica più comune è quella tubarica, che analizzeremo in questa sede.

Sono diverse le cause che determinano una gravidanza ectopica:

  1. Conformazione delle tube che si presentano troppo sinuose o articolate; l’ovulo impiega troppo tempo per attraversarle, e di conseguenza si annida nella tuba stessa.
  2. Tube povere di muscolatura: quando si verifica suddetta condizione, le tube non riescono a spingere l’ovulo all’interno delle pareti uterine, che resta bloccato nelle tube.
  3. Specifiche infezioni possono causare un restringimento delle tube che non riescono a far passare l’ovulo. Dunque esistono diverse condizioni affinchè si realizzi una gravidanza extrauterina o ectopica, che secondo le ultime statistiche è sempre più comune.
  4. L’endometriosi tubarica, è un altro fattore che causa una gravidanza ectopica: le pareti interne delle tube stesse, si rivestono come quelle uterine per cui l’ovulo confonde la sua posizione e si annida erroneamente nella tuba.

Ma come si riconosce una gravidanza ectopica? Quali sono i sintomi? Generalmente i sintomi sono molto simili a quelli di una normale gravidanza: nausea, vomito, capogiri e pesantezza addominale, rappresentano i primissimi malesseri da gravidanza. Nella gravidanza ectopica però, si hanno perdite filamentose, e dolori addominali che diventano (con il passare del tempo) sempre più forti, culminando in una sorta di colica addominale.

Una gravidanza ectopica, viene individuata mediante un’ecografia che mostrerà l’utero regolare ed intatto, privo della macchia scura che segnalerebbe la gravidanza) e presenza d liquido nell’uretra. Le tube sono dilatate perché l’ovulo si è impiantato all’interno.

Una gravidanza ectopica è molto rischiosa per la vita di una donna: l’ovulo, crescendo formerà l’embrione che crescendo, tenderà a spingere contro le pareti della tuba, rischiando di rompersi. Questo può causare un’emorragia grave, con il rischio di vita per a paziente. Per ovviare a tutto questo, generalmente i medici procedono somministrando alla paziente dei farmaci specifici che favoriranno l’aborto, o interverranno chirurgicamente con l’asportazione della tuba. L’intervento è certamente invasivo, ma necessario; inoltre l’asportazione della tuba, non compromette future gravidanze.

In alcuni casi, la gravidanza ectopica, si conclude in modo naturale con un aborto spontaneo. La paziente dovrà comunque sottoporsi a dei controlli continui, per i mesi successivi.